La pelle può essere Ecosostenibile? Si!!

Sentiamo l'esigenza di fare in breve chiarezza su un tema molto delicato e interessante ovvero l'ecosostenibilità della pelle, poiché non sempre le persone hanno chiaro quale sia il processo di lavorazione della pelle e ciò che sta dietro all'impiego di materiali e macchinari.

L’ecosostenibilità della pelle

L'approccio della conceria italiana è all’avanguardia, avendo già posto l’attenzione a una progettazione e gestione dei processi produttivi che tenga conto non solo della qualità dei prodotti, ma anche della materia che “abita” il prodotto e degli scarti che da tale lavorazione derivano.

Le pelli finite sono il prodotto ad alto valore aggiunto di un processo di trasformazione di uno scarto, le spoglie degli animali allevati a scopo alimentare che, se non recuperate, non andrebbero smaltite entro breve tempo.
Parte degli agenti chimici impiegati nel processo della concia, soprattutto se vegetale, (tannini, ingrassi, caseine) derivano da frazioni di recupero di altre filiere industriali.
Per quanto riguarda le restanti materie prime impiegate nei processi di lavorazione come l'acqua, è forte e continuo l’impegno per la progressiva riduzione del loro impiego, attraverso l’adozione di sistemi di produzione e organizzazione sempre più efficienti.

Per quanto riguarda gli scarti generati dalle prime fasi di lavorazione classificati come SOA (Sottoprodotti di Origine Animale) e, in quanto tali, valorizzati  senza distruzione di materia organica preziosa, vengono trasformati in biostimolanti e fertilizzanti per agricoltura biologica, collagene, proteine e gelatine per svariati impieghi nell’industria alimentare e nella nutraceutica (per la produzione dei cosiddetti superfoods, ad esempio), nella cosmesi e nell’industria farmaceutica.

Concludiamo con l'affermare che la pelle è un materiale durevole, riutilizzabile, che conferisce ai manufatti possibilità di upgrading, riparabilità e facile manutenzione. Caratteristiche che corrispondendo pienamente ai criteri d'idoneità previsti dal Green Deal e dal nuovo piano di azione europeo per l’economia circolare.

Le nostre scelte

Per questo i prodotti Castelli bags sono realizzati solo con pellami provenienti da aziende che seguono il processo di ecosostenibilità: un’azienda è sostenibile se ha messo in atto tutto un programma all'interno della propria attività per garantire, secondo le norme stabilite dalla legge, un lavoro sostenibile.
Dichiarare di produrre un prodotto in pelle sostenibile significa essere in regola con tutto. Inoltre, è necessario attuare un percorso di ricerca e sviluppo per cercare di riuscire a produrre articoli seguendo una politica di risparmio, sia per quanto riguarda l’energia e l’acqua sia con  l’utilizzo di prodotti più green, ovvero prodotti con al loro interno sostanze meno invasive e meno inquinanti. Sempre di più, i clienti, sono sensibili al tema della sostenibilità. Chiedono quindi un prodotto green che mantenga però l’alta qualità che ci contraddistingue. 

Le nostre borse vengono prodotte utilizzando pellami provenienti solo dalle migliori concerie perchè sostenibilità non vuole dire solo rispetto per l’ambiente, ma anche dei diritti umani. Per questo la conceria e tutto ciò che ne deriva, non può non essere attenta alle condizioni lavorative e alla salute dei lavoratori. 

Articoli passati Nuovi articoli